info@confartigianato.ch.it

|

0871 330270

Sconto in fattura o cessione detrazioni per spese edilizie, slitta al 29 aprile il termine per la comunicazione

31/03/2022

Pubblicata in Gazzetta ufficiale la legge di conversione del Sostegni-ter: confermata la proroga al 29 aprile 2022 del termine di trasmissione delle comunicazioni di opzione per sconto e cessione delle detrazioni edilizie relativamente alle spese 2021 e alle rate residue non fruite per le spese 2020

Il nuovo articolo 10-quater del decreto legge n. 4 del 27 gennaio 2022, convertito in legge n. 25 del 28 marzo 2022 (pubbl. G.U. n. 73/2022) ha prorogato al 29 aprile 2022 il termine per la trasmissione delle comunicazioni di opzione per lo sconto sul corrispettivo o cessione del credito, di cui all’art. 121 del D.L. 34/2020, relativamente alle spese sostenute nel 2021 e alle rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese sostenute nel 2020. Il termine “a regime”, si ricorda, è fissato al 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione, per il 2022 detto termine è stato inizialmente prorogato al 7 aprile 2022 (provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 3 febbraio 2022 n. 35873, punto 4.1), e poi ulteriormente posticipato al 29 aprile 2022 nel corso dell’iter di conversione in legge del D.L. “Sostegni ter”.

Come già anticipato con News 21/2022, in conseguenza della suddetta proroga del termine di invio della comunicazione delle opzioni di sconto sul corrispettivo o cessione del credito, è differito al 23 maggio 2022 (in luogo dell’originario 30 aprile 2022) il termine entro il quale l’Agenzia delle Entrate è tenuta a rendere disponibili telematicamente le dichiarazioni dei redditi precompilate dei contribuenti relative al periodo d’imposta 2021 (modelli 730/2022 e REDDITI PF 2022), come previsto dal comma 2 dell’art. 10-quater del D.L. 4/2022 convertito.

Si precisa, inoltre, che le disposizioni in tema di cessione e sconto delle detrazioni edilizie, contenute nel D.L. 13/2022, sono state trasfuse senza modifiche sostanziali nel decreto legge “Sostegni ter”, dove attualmente trovano disciplina negli articoli 28 (per il numero delle cessioni, fino a tre), 28-bis (per le sanzioni penali e asseverazioni), 28-ter (utilizzo dei crediti dissequestrati), 28-quater (indicazione del contratto collettivo edilizia). Il decreto legge 13/2022 è stato, conseguentemente, abrogato dall’articolo 1, comma 2, della legge di conversione del Sostegni-ter n. 25/2022, facendo salvi i relativi effetti prodotti.

News