info@confartigianato.ch.it

|

0871 330270

Energia elettrica, fine mercato tutelato rinviata a luglio 2024

08/01/2024

Tre mesi in più di mercato tutelato per la bolletta dell’elettricità: mentre lo stop per il gas resta fissato al 10 gennaio 2024, per l’elettricità l’ARERA ha disposto una proroga al 1° luglio.

L’Authority incamera così lo slittamento delle aste per i fornitori del Servizio a Tutele Graduali per i clienti domestici non vulnerabili, disposto dal Decreto Energia (DL 181/2023). Con le aste programmate per il 10 gennaio, si fa dunque slittare al 1° luglio (rispetto al previsto 1° aprile) la data di attivazione del Servizio a Tutele Graduali (STG) a cui saranno assegnati gli utenti non vulnerabili ancora non passati al mercato libero. Quindi, per le bollette della luce non cambia nulla fino al prossimo luglio, quando bisognerà scegliere un operatore sul mercato libero oppure valutare se si hanno i requisiti per permanere (o rientrare) nel servizio tutelato; diversamente si viene traghettati al servizio a tutele graduali. La proroga di tre mesi risponde a diverse esigenze legate al decreto: assicurare ai clienti un tempo sufficiente per essere informati sull’imminente passaggio; preparare la migrazione al servizio con tutele graduali; limitare il periodo intercorrente tra assegnazione e attivazione STG.

In seguito a questa proroga ARERA, il passaggio al mercato libero dell’energia 2024 risulta così articolato:

bollette del gas: passaggio dal mercato tutelato a quello libero il 10 gennaio 2024.

bollette della luce: rinvio del passaggio al mercato libero al 1° luglio 2024.

Con uno scarto di sei mesi tra le due tipologie di fornitura, dunque, le famiglie italiane che si trovano nella maggior tutela nel 2024 dovranno dire addio al proprio contratto con tariffe ARERA secondo il seguente schema.

Non vulnerabili

La fuoriuscita dalla Maggior Tutela Luce per la fornitura di energia elettrica riguarda i clienti domestici non vulnerabili. I clienti domestici che non avranno scelto un fornitore o un’offerta del proprio gestore sul Mercato Libero saranno trasferiti al Servizio a Tutele Graduali.

Vulnerabili

I percettori dei Bonus Sociali, beneficiari della Legge 104 o ultra 75enni rimarranno invece nel regime tutelato. Nei confronti dei clienti vulnerabili e in con[1]dizioni di povertà energetica continua infatti ad applicarsi il servizio di tutela (articolo 1, comma 2, DL 73/2007).

Per le bollette del gas i vulnerabili sono coloro che:

• sono in condizioni economicamente svantaggiate (ISEE fino a a 8mila 107,5 euro);

• sono soggetti con disabilità certificata dai medici competenti ai sensi della legge 104/92;

• hanno un’utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi;

• hanno età superiore ai 75 anni.

Per le bollette dell‘elettricità i vulnerabili sono coloro che:

• sono in condizioni economicamente svantaggiate (ISEE fino a 8mila 107,5 euro);

• sono soggetti con disabilità certificata dai medici competenti ai sensi della legge 104/92;

• hanno un’utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi;

• sono titolari di utenza (o convivono con un titolare di utenza) e sono affetti da gravi patologie che utilizza apparecchi elettrici salva-vita in casa;

• hanno età superiore ai 75 anni.

Possono restare o tornare nel Mercato Tutelato, con tempistiche diversificate per luce e gas, i soli clienti identificati come vulnerabili titolari di utenze (per i malati che usano apparecchi elettrici salva-vita, c’è il diritto alla tariffa tutelata ARERA per la bolletta della luce anche se il titolare dell’utenza è un convivente). Per il requisito anagrafico o ISEE (nei casi di beneficiari del Bonus Sociale), il fornitore è già a conoscenza del diritto, mentre per il requisito della Legge 104 o del disagio fisico bisogna invece inoltrare specifica richiesta, compilando l’apposito modulo ARERA o fornito dal gestore (per il gas è arrivato a settembre, per la luce arriverà a gennaio). Il modulo va inviato al fornitore entro il 31 dicembre 2023 agli indirizzi indicati sui moduli stessi se si usano quelli del gestore, oppure a quelli indicati dal contact center; ci si può recare presso un punto fisico di rivendita per avere informazioni. Assieme al modulo, bisogna mandare copia del documento di identità.

Fase transitoria con tariffe STG (Servizio Tutele Graduali)

Entro la scadenza del servizio tutelato, i clienti domestici non vulnerabili del mercato tutelato possono cambiare tariffa e/o operatore sul mercato libero. I clienti che non avranno effettuato una scelta, saranno traghettati al mercato libero in modo transitorio, accompagnati da un Servizio a Tutele Graduali (STG), per il gas rimanendo con il proprio fornitore e venendo invece assegnati al fornitore vincitore delle aste territoriali (in programma dal 10 gennaio 2024) per la luce. Per il Servizio a Tutele Graduali è previsto un meccanismo simile a quello delle offerte PLACET del Mercato Libero (prezzo stabilito dal fornitore ma condizioni contrattuali definite da ARERA) e una durata di 3 anni.

Se vuoi una consulenza gratuita per scegliere in autonomia le condizioni più favorevoli per la tua bolletta del gas e dell’elettricità puoi rivolgerti a Confartigianato, che saprà indicarti le migliori proposte del Consorzio CAEM di Confartigianato, sia per le imprese che per i privati.

Cos’è il CAEM? È il Consorzio per l’energia di Confartigianato, che agisce come un GRUPPO DI ACQUISTO, selezionando periodicamente le migliori offerte sul mercato di LUCE e GAS. Così avrai la certezza di usufruire sempre della MIGLIORE OFFERTA.

Per informazioni puoi rivolgerti ai nostri referenti per l’Energia e Gas sul territorio:

Chieti: Jacopo Pardi Tel. 0871/330270 mail: pardi@confartigianato.ch.it

Lanciano: Luana Iezzi Tel. 0872/700315 mail: energia@confartigianato.ch.it

L’Aquila: Maria Carla Placidi Tel. 0862/080711 mail: servizi@confartigianatolaquila.it

News