info@confartigianato.ch.it

|

0871 330270

DL Lavoro: Bonus Assunzioni under 30 da giugno

24/04/2023

Fra le misure da inserire nel Decreto Lavoro atteso in Consiglio dei Ministri, c’è un nuovo sgravio contributivo per aziende che assumono giovani under 30 che non studiano e non lavorano (Neet). Si tratta di un incentivo pari al 60% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali, riconosciuto per un anno (12 mesi) a fronte di nuove assunzioni effettuate a decorrere dal 1° giugno 2023 fino alla fine dell’anno.

Il decreto Lavoro è il provvedimento che utilizza i 3 miliardi che si sono liberati utilizzando la differenza fra deficit tendenziale e programmatico 2023 previsto dal Documento di economia e finanza approvato la scorsa settimana. Si tratta dunque di un raccordo con il taglio del cuneo fiscale annunciato dal Ministro dell’Economia a margine della presentazione del DEF, dunque destinato ai datori di lavoro. Il bonus viene riconosciuto a tutti i datori di lavoro, esclusi quelli domestici per colf e badanti.

Le assunzioni agevolate devono essere a tempo indeterminato, anche in somministrazione o in apprendistato professionalizzante, effettuate dal primo giugno al 31 dicembre 2023. Devono riguardare giovani che sono registrati al programma PON “Iniziativa occupazione giovani”, attraverso il quale viene attuata l’iniziativa Garanzia Giovani. Viene riconosciuto tramite conguaglio nelle denunce contributive Uniemens e, per ottenerlo, le imprese devono presentare specifica domanda. In base alle anticipazioni, le istanze si presenteranno online, l’INPS risponderà entro 5 giorni dalla presentazione in base alle risorse disponibili (all’esaurimento dei fondi, le domande non vengono più accolte e per l concessione vale l’ordine cronologico) e, a quel punto, l’assunzione dovrà essere effettuata entro i successivi 7 giorni; poi ci saranno altri 7 giorni per comunicarla all’Istituto di previdenza.

Il nuovo bonus sarà cumulabile con altri incentivi, fra cui l’esonero triennale al 100% per nuove assunzioni prorogato dalla Legge di Bilancio, ma in questi casi scende al 20% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali. L’obiettivo è quello di portare a circa 70mila nuove assunzioni di giovani under 30. La misura è finanziata per il 2023 con 80 milioni a valere sul programma operativo “Iniziativa occupazione giovani” –, secondo ripartizione regionale stabilita con provvedimento ANPAL attesto entro 30 giorni dall’entrata in vigore del DL Lavoro – mentre per il 2024 la copertura è pari a 52 milioni di euro. Il provvedimento potrebbe arrivare in Cdm già questa settimana. E contiene, oltre al nuovo bonus assunzioni, anche una serie di altre misure che riguardano il Reddito di Cittadinanza (con la riforma 2024 e la gestione della fase transitoria), i contratti a termine, l’Assegno unico e la pensione dei Precoci.

News